Roccocò, il dolce tipico napoletano della tradizione natalizia

I roccocò, che buoni che sono! Senza di loro non è Natale 😀 Anche perché qui li pucciamo nell’amaro dopo i pranzoni ed i cenoni natalizi, giusto per digerire un po’ 😀 Inondano la casa di un profumo intenso e più giorni passano più son buoni. Un dolce biscotto dai tanti aromi che ognuno fa a modo suo. Chi lo vuole morbido, chi duretto, chi spaccadenti. Chi ci mette poca cannella, chi tanto pisto. Insomma, casa che vai roccocò che trovi! Questa la mia ricetta, adatta ai miei gusti. Non li amo eccessivamente aromatizzati, per me l’aroma deve essere equilibrato e confondersi con il sapore dell’impasto e delle mandorle. A Natale sulla mia tavola non mancano mai insieme ai mostaccioli.

 Roccocò

Ingredienti per 18 pezzi grandi o 32 mignon

  • 500 gr di farina
  • 350 gr di zucchero
  • 2 cucchiaini abbondanti di miele
  • 1 uovo
  • 250 gr di mandorle con la buccia
  • 50 gr di arancia candita
  • 200 gr circa di succo di mandarino
  • la buccia di 3 mandarini
  • 10 gr di cannella in polvere
  • 10 gr di pisto *
  • 3 gr di ammoniaca
  • un po’ di pepe nero (la punta di un cucchiaino)
  • un pizzico di sale

Procedimento per i Roccocò

Frullare l’arancia candita con due cucchiaini di miele e la buccia dei tre mandarini (prelevata con il pelapatate) fino ad ottenere una crema. Tagliare le mandorle grossolanamente. In una ciotola unire zucchero, farina, pisto, cannella, ammoniaca, pepe, sale. Aggiungere  la crema di arancia e mandarini ed il succo di mandarino poco per volta fino ad ottenere un impasto sodo, ma appiccicoso. Il succo potrebbe essere troppo, dipende molto dalla farina usata, quindi non versarlo tutto in una volta. Aggiungere le mandorle e mescolare bene. Far riposare l’impasto almeno due ore in frigorifero. L’impasto sarà ancora più umido dopo il riposo. Prelevare dei pezzi di impasto e posizionarli su di un piano infarinato. Fare dei rotolini facendo una leggera pressione per non far sgretolare l’impasto (le mandorle tendono a separare l’impasto) e poi delle ciambelle. Per ottenere la classica forma del roccocò, formare delle ciambelle larghe, in cottura poi gonfieranno e se il buco sarà troppo piccolo, si chiuderà. Formate le ciambelle, schiacciare bene la superficie. Sbattere  uovo e spennellare tutte le ciambelle. Infornare a 175° per circa 20 minuti. I roccocò mignon cuoceranno più velocemente.

Se volete dei roccocò morbidi lasciate raffreddare all’aria. Se invece preferite dei roccocò duri, dopo averli tenuti fuori dal forno per 10 minuti, rimetterli in forno spento fino a raffreddamento. Per i roccocò spaccadenti bisognerà cuocere di nuovo a 100° per 10 minuti e lasciare raffreddare in forno.

* il pisto è una miscela di aromi che qui trovo già pronto (si usa anche per i roccocò), ma si può fare in casa così :

  • 3 parti di cannella
  • 1 parte di noce moscata
  • 1 parte di chiodi di garofano

bisogna solo ridurre il tutto in una polvere sottilissima

roccocò

Un altro dolce fondamentale per il Natale napoletano: i mostaccioli

Print Friendly, PDF & Email
More from sciuesciue

Pasta al forno furbissima

La pasta al forno furbissima è un piatto decisamente per pigroni e per chi...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *